Mario Cresci, dalla serie I Rivolti, Contessa di Castiglione #1, 2013

Mario Cresci contrappone fotografia e realtà nella mostra “In Bilico nel Tempo”

Nicoletta Rusconi Art Projects, in collaborazione con la Casa d’Aste francese Artcurial, presenta In Bilico nel Tempo, la mostra di diverse serie di opere composite di Mario Cresci che si terrà fino al 31 ottobre presso la sede di Artcurial a Milano (Palazzo Crespi, corso Venezia, 22) e che sarà accompagnata dal testo critico di Marco Tagliafierro. Cresci, autore eclettico che spazia tra disegno, fotografia, video e installazioni, indaga il linguaggio visivo tramite una contrapposizione tra la fotografia e la verità del reale.

 

Autoritratto (foto di Mario Cresci)

Autoritratto (foto di Mario Cresci)

 

In mostra ci saranno diversi lavori, il cui filo conduttore che le pone in relazione diretta è soprattutto un “tempo altro”, il tempo dell’arte, per citare lo stesso Mario Cresci: un tempo che le riguarda trasversalmente tutte. Soggetti/oggetti dei lavori esposti sono opere d’arte storiche, sia dipinti, sia fotografie, sia architetture di altri autori, appartenenti a epoche diverse, qui poste da Cresci in una condizione paritetica, di equivalenza, svelando così l’incipit del progetto espositivo.

 

Mario Cresci, Equivalents (2014) installazione, Pinacoteca di Brera, 2014 11 stampe True Fine Art Giclée su carta Hahnemühle baryta,100% cotone

Mario Cresci, Equivalents (2014)
installazione, Pinacoteca di Brera, 2014
11 stampe True Fine Art Giclée su carta Hahnemühle baryta,100% cotone

 

Varcata la soglia, il visitatore si imbatte in Equivalents (2014): sei metri di sguardi, ovvero undici fotografie di undici ritratti, dipinti da altrettanti maestri. Ritratti che Cresci ha portato a una dimensione omogenea, ponendoli sullo stesso piano, virandoli tutti sui toni del blu e allineandoli sulle lettere, una per fotografia, che insieme compongono la scritta EQUIVALENTS. Si avverte in quest’opera una riflessione dell’autore sulla storia della fotografia, in particolare sul lavoro di Alfred Stieglitz.

 

Mario Cresci, dalla serie “I rivolti”, Contessa di Castiglione #2 (2013) stampa su carta Hahnemühle 100% cotone piegata a mano

Mario Cresci, dalla serie “I rivolti”, Contessa di Castiglione #2 (2013)
stampa su carta Hahnemühle 100% cotone piegata a mano

 

Procedendo da destra e da sinistra, è la volta dell’opera I Rivolti (2013), due stampe su carta cotone, piegate come arditi, azzardati origami, appartenenti a una serie di fotografie, in questo caso di un celebre scatto di Pierre-Louise Pierson ritraente la Contessa di Castiglione. Scrive Cresci: “Il foglio di carta assume valenza materica, che non tradisce la fotografia ma certamente non appartiene ai suoi canoni: diventa volume, oggetto”. Il suo è un percorso visivo fatto di fotografie che hanno come comun denominatore l’intensità dello sguardo, che attira e magnetizza quello dello spettatore: un invito quindi a riflettere sulla magia dell’incrocio di sguardi.

 

Mario Cresci, dalla serie “Luce ridisegnata” (2012) stampa True Fine Art Giclée su carta Hahnemühle baryta,100% cotone

Mario Cresci, dalla serie “Luce ridisegnata” (2012)
stampa True Fine Art Giclée su carta Hahnemühle baryta,100% cotone

 

La riflessione sulla pratica del vedere, guardare e osservare si evidenzia in un’opera della serie Luce Ridisegnata (2012) dedicata al gioco delle geometrie di cornici quadrate, ovali e rotonde che interagiscono con la luce, inseguendo un nitido desiderio di astrazione. Afferma Mario Cresci: “La luce emerge dal vincolo reale della cornice, che appare così ridisegnata da una incomprimibile luminosità interna”.

 

Mario Cresci, A rovescio 02 (2010) stampa True Fine Art Giclée su carta Hahnemühle baryta,100% cotone

Mario Cresci, A rovescio 02 (2010)
stampa True Fine Art Giclée su carta Hahnemühle baryta,100% cotone

 

Su entrambi i lati dell’ingresso dello spazio espositivo sono disposti quattro lavori dal titolo Luce, della serie Dentro le Cose (2011), pensata per Palazzo dei Pio, a Carpi. Una serie che si focalizza sulle ampie finestre del palazzo emiliano, finestre schermate dalla luce proveniente dall’esterno tramite teli bianchi. La luce pare comparire per affioramento dalle tele, mosse come vessilli dall’artista per dinamizzare la staticità di una visione che senza quel gesto sarebbe stata condannata a un’inutile fissità. Una piccola stanza laterale accoglie, presentandola da un punto di vista inedito, la serie A Rovescio (2010) concernente il  retro di tele lacerate esposte su cavalletti. Un’attenzione già altre volte riservata dall’autore al tema del restauro delle opere.

 

Mario Cresci, D’après Parmigianino,”Autoritratto allo specchio convesso”,1524, (2015) stampa True Fine Art Giclée su carta Hahnemühle baryta, 100% cotone

Mario Cresci, D’après Parmigianino,”Autoritratto allo specchio convesso”,1524, (2015)
stampa True Fine Art Giclée su carta Hahnemühle baryta, 100% cotone

 

A chiudere il percorso espositivo ci sarà un’opera della serie D’Aprés, ispirata al celebre autoritratto del 1524 del Parmigianino, che ritrae il pittore manierista riflesso da uno specchio convesso che ne deforma l’immagine. Cresci prende l’autoritratto e vi sovrapppone in trasparenza la fotografia di una parte del suo studio riflessa da uno specchio convesso. In un’ulteriore sovrapposizione, Cresci aggiunge figure geometriche sempre in trasparenza: un immaginario contenuto di segni, forme e colori che lo lega intimamente a questo capolavoro.

 

Mostra aperta al pubblico da lunedì a venerdì dalle ore 10.00 alle ore 18.00.

TODAY

19 Jun

Tuesday

Le Rubriche

Photo Gallery