L’Amorino dormiente di Caravaggio al Kunsthistorisches Museum di Vienna

L’amore e Michelangelo Merisi detto il Caravaggio (1571−1610) forse non sono due elementi facilmente assimilabili soprattutto perché, del grande genio dell’arte barocca, si conosce bene la vita dissoluta e violenta.

La sua arte non ha bisogno di elogi, genialità allo stato puro, intensità, maestria tecnica, uso divino della luce, contrasti e sublimazioni, sacro e profano , insomma arte immensa.

Dei suoi capolavori fa parte un quadro forse non molto noto, si tratta dell’Amorino dormiente, un’opera dolcissima e intensa che, sebbene faccia parte della collezione della Galleria Palatina di Palazzo Pitti a Firenze, è ora in mostra a Vienna al Kunsthistorisches Museum.


La presenza dell’Amorino dormiente nel celebre museo di Vienna è un’occasione per scoprire retroscena dell’opera prima sconosciuti, l’opera è esposta insieme ad una serie di apparati documentari .

Inoltre l’allestimento permette di osservare il retro della tela con la firma e la data in cui Caravaggio dipinse la tela prima di evadere dal carcere di Malta per andare a Siracusa.

L’Amorino dormiente esposto a Vienna appartiene all’ultima produzione dell’artista ed è certo un’opera che oltre la dolcezza del sonno di un bambino evoca anche stanchezza, c’è insomma qualcosa di drammatico nella tela e non è solo il fondo nero a evocare la drammaticità, come in tante altre opere dell’artista.


L’Amorino dormiente di Caravaggio al Kunsthistorisches Museum di Vienna


Vi è qualcosa nell’espressione del viso del bambino che lo fa sembrare forse morto.

L’Amorino dormiente fu dipinto da Caravaggio a Malta nel 1607, un momento travagliato della sua esistenza, lo aveva realizzato per la famiglia fiorentina dell’Antella e infatti fu trasportato a Firenze.

A Malta ebbe come al solito problemi, entrò a far parte dei Cavalieri di Malta ma ebbe un furioso litigio con un cavaliere del rango superiore al suo e si venne a sapere che su di lui pendeva una condanna morte.


Per queste ragioni fu rinchiuso nel carcere di Sant’Angelo a La Valletta a Malta ma inspiegabilmente riuscì a evadere e a rifugiarsi a Siracusa.

Fu espulso dall’ordine dei Cavalieri di Malta con disonore: «Come membro fetido e putrido».

Il quadro l’Amorino dormiente appartiene a questo periodo trascorso a Malta e ne porta tutta l’intensa drammaticità.

Il quadro destò immediatamente ammirazione tanto da essere subito copiato e studiato.

Un’opera straordinaria, peccato solo che queste iniziative di esaltazione e studio di un’opera singola siano affidate ad altri musei europei quando dovremmo essere in grado in Italia di promuovere il nostro immenso patrimonio artistico.

Se vi trovate a Vienna però fate un salto al Kunsthistorisches Museum, l’Amorino dormiente è un’opera immensa.


Picture Gallery

Kunsthistorisches Museum Wien

1st Floor

Maria-Theresien-Platz, 1010 Wien

Dal 16 settembre 2015 al 1 dicembre 2015

http://www.khm.at

TODAY

24 Sep

Thursday

Le Rubriche

Photo Gallery