Laura Giardino e le sue donne sexy e sole

Ha uno stile già maturo e riconoscibile Laura Giardino, artista che esplora l’universo femminile attraverso atmosfere noir e vagamente sexy.

Nata a Milano nel 1976, i prezzi dei suoi quadri oscillano dai 1.800 ai 6.500 euro, prezzi abbordabili se si considera la maturità del suo stile, assolutamente riconoscibile ed in linea con la migliore tradizione della Pop Art.


Laura Giardino e le sue donne sexy e sole


Il suo lavoro è una commistione di generi dove predomina lo stile fumettistico sebbene sia molto ben stemperato da atmosfere cupe e solitarie.

Sono donne quasi sempre sole, quelle di Laura Giardino che attraversano luoghi desolati, paesaggi post industriali o camere spoglie di hotel.

Laura Giardino riesce a trasferire uno sguardo, un’atmosfera e soprattutto dà alle sue immagini un taglio cinematografico.


Laura Giardino e le sue donne sexy e sole


Si dice che l’artista s’ispiri alle atmosfere anni quaranta e cinquanta ma al di là di quali possano essere i suoi punti di riferimento, il suo lavoro è assolutamente originale e non può non essere amato soprattutto dai collezionisti della Pop Art.

Tuttavia la Giardino si discosta dalle atmosfere pop perché riesce con un’ironia sottile a trasferire la solitudine e l’abbandono delle sue donne con leggerezza disarmante.

Gioca con lo spazio e l’atmosfera nei suoi lavori e talvolta evoca la solitudine dei personaggi di Hopper con il quale condivide lo stesso gusto per il taglio cinematografico.


Laura Giardino e le sue donne sexy e sole


Enigmatiche, sole, perse o sperse in luoghi anonimi, spesso sfuggenti dalla scena, le sue donne sono spesso nude o rivestite solo di lingerie, la loro nudità però non vuole essere una provocazione sensuale ma solo un rivestimento di quel femminile che la Giardino evidentemente indaga e cerca di comprendere.

Cosa attendono?, dove sono dirette le sue donne?

Camminano si muovono, spesso sono immobili e sembrano ricercare un altrove, le scene che le accolgono sono solo casualmente progettate per farle sostare perché sembrano attendere e provenire da un altro mondo.

Laura Giardino, che porta nel suo cognome il nome di un luogo, è evidentemente consapevole dalla continua dislocazione a cui come soggetti siamo destinati e le donne che popolano i suoi quadri portano incisa la solitudine profonda di ritrovarsi sole in una stanza, in strada a passeggiare, dormire, fare l’amore o semplicemente a rimanere immobili senza capire dove andare.


Laura Giardino e le sue donne sexy e sole


http://www.lauragiardino.net

TODAY

24 Sep

Thursday

Le Rubriche

Photo Gallery