MARK LECKEY NEL MEZZO DELLE COSE DESIDERI CONTEMPORANEI

Marck Leckey (Birkenhead, 1964) moderno che più moderno non si può.

Chi avrà voglia di salire al terzo piano del museo Madre di Napoli potrà assistere allo spettacolo della commistione assoluta di linguaggi e dei media che questi linguaggi veicolano.

S’intitola Desiderata (in media res) e se proprio non accende grandi desideri almeno pone domande fondamentali sul mondo contemporaneo, sul desiderio contemporaneo e sulla commistione dei linguaggi di comunicazione, con grande ironia senza rinunciare a pindariche associazioni d’idee che pongono questioni care alla critica d’arte contemporanea.


MARK LECKEY NEL MEZZO DELLE COSE DESIDERI CONTEMPORANEI


Nel mezzo delle cose, in media res, è la locuzione latina usata da Orazio nell’Ars poetica per indicare una modalità narrativa che esclude i preamboli ma racconta i fatti in modo immediato.

L’immediatezza appunto dei media odierni che ci fanno solo apparentemente credere di comunicare gli uni con gli atri.

Per il termine Desiderata invece è bene soffermarsi, si tratta del sostantivo latino desiderata neutro plurale ed anticamente si riferiva ad un registro dove il pubblico poteva esprimere la propria richiesta per cose di cui avvertiva la mancanza…


MARK LECKEY NEL MEZZO DELLE COSE DESIDERI CONTEMPORANEI


La mostra di Marck Leckey infatti presenta tutti gli esempi di quella che potremmo definire un’attestazione di piacere da parte del pubblico, cioè i loro desideri che si esprimono in immagini, brand di moda, musica, arte , cinema.

In questo senso la mostra Desiderata pare essere una grande sottile critica al contemporaneo perché solidifica il pensiero secondo cui l’immagine e l’immaginario, sebbene siano fonti di godimento, tendono alla nullificazione di se stessi, ad un auto implicita saturazione. Temi che meritano un qualche approfondimento.


MARK LECKEY NEL MEZZO DELLE COSE DESIDERI CONTEMPORANEI


Se il messaggio è il medium allora la mostra di Marck Leckey al Madre di Napoli sostanzia quest’ idea mettendola alla prova di tutti i media a disposizione oggi.

In una babele di messaggi e di mezzi che questi messaggi trasmettono capeggia un grosso topolino la cui coda è scannerizzata in modo perfetto su un supporto digitale di ultima generazione, si tratta dell’opera che accoglie il visitatore e si chiama Felix the cat esposto come una sagoma gonfiabile.

Tra casse ad alta risonanza e video installazioni la mostra è una sorta di viaggio nelle ossessioni multimediali di Marck Leckey .


MARK LECKEY NEL MEZZO DELLE COSE DESIDERI CONTEMPORANEI


Qualora non si comprenda non importa perché non si tratta di una mostra da capire ma di una mostra da cui farsi bombardare di messaggi che però l’ artista sta bene attento a non rendere del tutto espliciti.

La mostra al Madre presenta importanti opere storiche di Marck Leckey insieme a produzioni recenti.

Cervellotico e ossessivo uno dei video proiettati in mostra in una stanza rigorosamente buia.

Come ben spiegano le ottime didascalie presenti in mostra: “Leckey tende sistematicamente a superare il campo specifico e autoreferenziale dell’arte per muoversi ai confini e nei meandri della vita quotidiana, esplorando il modo in cui simboli, icone, merci, feticci contemporanei ridefiniscono ogni giorno la sfera delle nostre fantasie e memorie, fino a plasmare la nostra stessa identità in un soggetto intersoggettivo, mobile ed indefinito. A partire dalla sua indagine sul cosmo delle sottoculture musicali londinesi e della storia culturale britannica, per approdare all’esplorazione delle tecnologie digitali e dei brand e del loro impatto sulla nostra coscienza.”

Una critica dunque anche a quei brand che sembrano in qualche modo identificare la soggettività nella consapevolezza però che la soggettività è un frammento che si dà in suoni, immagini , identificazioni memoria e commistioni, questioni e temi che sono il mood dell’indagine di molti artisti contemporanei.


MUSEO MADRE

Via Luigi Settembrini, 79, 80139 Napoli

MARK LECCKY

DESIDERATA

(in media res)

dal 10 ottobre al 18 gennaio 2016

TODAY

24 Sep

Thursday

Le Rubriche

Photo Gallery