mw

Madeline Weinrib: quando il design si tinge di etnico

Profumo di spezie e incenso, tripudio di colori e suggestioni che vengono da lontano: nel design firmato Madeline Weinrib si respira l’atmosfera della Medina di Marrakech, tra i bazar in cui spiccano tappeti e vesti cariche di stampe e pattern.

Stoffe pregiate, patchwork di stampe che provengono da culture lontane e millenarie, tra Marocco, Nepal, India. Un design altamente contemporaneo che trae la sua linfa vitale dalle tradizioni di popoli lontani e di culture differenti dalla nostra. Madeline Weinrib è oggi una delle designer più apprezzate al mondo, che ha all’attivo collaborazioni con brand storici. I suoi showroom a New York e San Francisco contano ogni giorno migliaia di visitatori letteralmente estasiati dall’atmosfera che si respira lì dentro, mentre il suo sito web (madelineweinrib.com) si impone come una straordinaria fucina di spunti ed idee cariche di eleganza e stile.

Il design le scorre nelle vene: il bisnonno di Madeline era infatti Max Weinrib, storico fondatore di ABC Carpet & Home, tempio newyorkese del design. Una carriera iniziata come artista e pittrice, Madeline Weinrib ha anche lavorato come insegnante presso l’Università della Città di New York. Dopo un periodo di apprendistato in Venezuela, nei primi anni Novanta, la sua attività di design di tappeti inizia nel 1997.

Madeline Weinrib (foto di Buck Ennis)

Madeline Weinrib (foto di Buck Ennis)

Pattern etnici ed elementi boho-chic nello showroom di Madeline Weinrib  (foto Andrea Chu per The Observer).

Pattern etnici ed elementi boho-chic per Madeline Weinrib (foto Andrea Chu per The Observer).

Lo showroom di Madeline Weinrib (foto Architectural Digest)

Lo showroom di Madeline Weinrib (foto Architectural Digest)

Lo showroom di San Francisco (foto Architectural Digest)

Lo showroom di Madeline Weinrib a San Francisco (foto Architectural Digest)



Intanto colleziona antichi tappeti tibetani e diviene un’esperta nell’accostare le stampe: Suzani, Ikat, ma anche Batik e Wax, di chiara origine africana, divengono pattern privilegiati per cuscini, tappeti e monili pregiati con cui firma il suo design. Pur essendo rimasta sempre estranea rispetto al business di famiglia, le viene commissionato il design di alcuni tappeti proprio dalla celebre ABC Carpet & Home, la storica istituzione newyorkese fondata dal bisnonno. Per lei è la consacrazione a livello internazionale. Il resto è storia. I suoi tappeti stampati in pattern etnici sono divenuti la sua firma iconica, per un design a prezzo abbordabile (con prezzi che vanno dai 450 ai 35,000 dollari) ma ricco di suggestioni.

Madeline Weinrib è considerata esponente di spicco del “Gypset”, un nuovo lifestyle pensato anche per la casa, che unisce il tradizionale concetto di lusso allo stile gypsy: i suoi pezzi di arredamento stampati in tessuti ricchi di suggestioni folk ammaliano. Un concetto particolare di lusso, che trova nel folclore e negli elementi tribali spunti inediti per arredare con stile gli interni.

Lo studio di New York (foto habituallychic)

Lo studio di Madeline Weinrib a New York (foto Habitually Chic)

Madeline Weinrib nel suo atelier di New York

La designer nel suo atelier di New York

(Foto di Marili Forastieri)

(Foto di Marili Forastieri)

MW21

Non solo arredamento ed accessori per la casa ma anche caftani stampati da Madeline Weinrib



Una casa chic, fatta di souvenir di viaggio, ricordi vibranti e vivi nella memoria, per uno stile sofisticato e originale. Tra i consigli di Madeline Weinrib per arredare una casa con eleganza, vi è il privilegiare un mix di colori e patchwork di stampe, per non annoiarsi mai. Secondo la designer occorre inoltre investire sulla qualità degli oggetti. “Amo una casa che abbia un’anima”, ha detto più volte la Weinrib, che consiglia di mixare non solo le culture, ma anche i periodi storici, in un inedito ponte tra passato e presente. Avere sempre un occhio di riguardo per la contemporaneità e per gli artisti e i designer emergenti è utile per trarre sempre nuovi spunti.

Madeline Weinrib ha al suo attivo collaborazioni con Barneys e con Manolo Blahnik. Ora la designer si è aperta anche al mercato della bellezza, firmando prodotti realizzati con 100% di olio di Argan proveniente dal Marocco. Non solo pezzi di arredamento, cuscini e tappeti nei suoi atelier, ma anche un’ampia selezione di caftani stampati, borse e capi di abbigliamento in pieno stile boho-chic. Per intenditori.

adoroooo

La designer newyorkese immortalata nell’ambiente etnico da lei prediletto

madeline-weinrib-wallpaper

Patchwork di stampe etniche per Madeline Weinrib

Madeline_Weinrib_0371

Suggestioni tribali e boho-chic (Foto di Jim Bastardo)

Madeline_Weinrib_0127

Nepal, India e Marocco sono i Paesi da cui la designer trae ispirazione (Foto di Jim Bastardo)



Impegnata anche nel sociale, Madeline Weinrib è ambasciatrice internazionale di Project Mala, un ente benefico che lotta per l’eliminazione del lavoro minorile dalla produzione dei tappeti. L’organizzazione ha stanziato fondi per 45 villaggi rurali dell’India finanziando l’istruzione primaria e secondaria in 10 scuole nella provincia del Nord del Paese.

mw wwww

Suggestioni etniche negli showroom di Madeline Weinrib

mw wwwww

La carriera di Madeline Weinrib è iniziata come pittrice

(Foto di Jim Bastardo)

(Foto di Jim Bastardo)

(Foto Cloth & Kind)

(Foto Cloth & Kind)



L’atelier di Madeline Weinrib sulla Fifth Avenue è uno spazio ricco di idee e dal fascino immortale: carte da parati decorate alle pareti, mobili e arredamento etnici, tappeti e cuscini, pattern tribali e colori vibranti, in un multiculturalismo chic e stylish. Il suo si conferma come uno stile sofisticato ed evergreen, in perenne bilico tra arte e design.

(Foto cover tratta da madelineweinrib.com)


Potrebbe interessarti anche:
Antonia Hutt: interior design per intenditori

TODAY

24 Jun

Monday

Le Rubriche

Photo Gallery