headsup

The Walking Dead e il peggiore episodio della sesta stagione

The Walking Dead ha tradito le aspettative dei propri fan e dopo una delle migliori puntate della serie arriva una delle peggiori

Una espediente narrativo da due soldi, questa è stata la presunta morte di Glenn in The Walking Dead 6×03 Thank You.

Glenn era caduto, trascinato dal suicidio di Nicholas, in mezzo a una enorme orda di zombie e la sua fine sembrava certa invece gli sceneggiatori di The Walking Dead hanno preferito creare una falsa suspense e hanno rotto il meccanismo su cui si basava The Walking Dead: nessun personaggio è al sicuro, in un mondo come quello di The Walking Dead si può morire in ogni momento.


Sarebbe stato più accettabile se la morte di Glenn fosse stata evitata grazie a un motivo non specificato, una storia fino ad ora tenuta nascosta, la comparsa insperata di un personaggio eroico o qualcosa di simile, una storia creativa per convincere anche i più dubbiosi. Uccidere Glenn con una morte così stupida sarebbe stato un memo indimenticabile della regola fondamentale di The Walking Dead: nessuno è al sicuro.


Speranze che si sono frantumate nei primi minuti di The Walking Dead Heads Up. Glenn semplicemente è strisciato sotto il cassonetto mentre gli zombie inspiegabilmente lo ignoravano fino a quanto non è scomparso dalla vista. Per questa scena abbiamo aspettato 3 episodi di cui due filler.


Glenn è sopravvissuto perché le budella di Nicholas, caduto sopra di lui lo hanno ricoperto e protetto come in un altro epico episodio, Guts, avevano protetto lo stesso Glenn e Rick. Le sue gambe invece sono state protette dagli stessi walkers che si erano stesi per raggiungere le budella di Nicholas. Il perché nessuno lo abbia attaccato al volto o al collo rimane un mistero invece, dato che lui stava urlando e gli zombie sono sensibili al suono. Una volta riparato dal cassonetto Glenn riesce a uccidere diversi walkers che morendo formano una barriera che unita all’odore delle budella di Nicholas fa si che dopo poco gli zombie perdano interesse e se ne vadano. Et voilà.


A nessuno dispiace che Glenn si sopravvissuto, è uno dei migliori personaggi di The Walking Dead, è un esempio di moralità e le sue abilità di sopravvivenza sono eccezionali; Questo è il motivo per cui lega con Enid, un’altra che sa come sopravvivere “là fuori”; ma una colpo di scena come questo non è abbastanza raffinato per il pubblico moderno, educato da show sofisticati come lo stesso The Walking Dead.

Un tempo una colpo di scena scarso come questo non avrebbe sorpreso nessuno ma ora no.


Questo colpo di scena potrebbe però avere un significato, nel fumetto la morte di Glenn è vicina. Glenn viene ammazzato con una mazza da baseball piena di filo spinato da quello che sarà l’antagonista principale del prossimo periodo della serie: Negan. Far superare a Glenn una situazione così difficile, farlo riunire con una Maggie incinta renderebbe la sua morte ancora più strappalacrime di quanto sarebbe stata normalmente.


Altro punto della trama che probabilmente si sta avvicinando è la perdita dell’occhio da parte di Carl. Nel fumetto il figlio di Rick perde l’occhio durante l’invasione di Alexandria a causa di un colpo di pistola. Il fatto che Rick abbia dato al figlio di Jessie una pistola, che lui stia cercando proiettili e che la torre sembri sul punto di cadere sulle mura potrebbe portare a pensare che tra poco vedremo Carl con una benda.

TODAY

20 Oct

Sunday

Le Rubriche

Photo Gallery