Daniel: il bimbo transgender che a tre anni ha deciso di diventare donna

È un gran vociferare. Un tabù. Un argomento ancora troppo caldo che insinua, molto spesso, insidie e giudizi velenosi.

Il mondo transgender è sempre più spesso sotto accusa perché il  “diverso”, spesso fa paura per chi è poco incline ad aprire la mente al mondo esterno.

La storia di Daniel, un bambino nato sette anni fa, a Strathspey, in Scozia, potrebbe essere da monito a tutti coloro che sono lontani dal coming out per paura di non essere compresi o, peggio ancora, giudicati ed emarginati dalla società.

Daniel, ha deciso per la sua vita. Daniel ha capito a soli tre anni, che il corpo in cui era costretto a vivere non gli apparteneva.

 

Daniel McFayden oggi si fa chiamare Danni ed è felice del suo cambiamento

Il piccolo Daniel oggi ha sette anni ed ha scelto di chiamarsi Danni

 

 

Appoggiato dalla madre Kerry McFadyen ha intrapreso un percorso tutto in ascesa, divenendo il primo bambino transgender che l’opinione pubblica europea sia mai venuta a conoscenza.

Tutto ebbe inizio un giorno, in un bagno qualunque di una cittadina qualsiasi. Daniel, gioca con il suo pene, prende un paio di forbici e cerca di reciderlo. La madre, preoccupata, analizza il comportamento del figlio e comprende che il gesto è legato ad un malessere interiore.

Quando uno specialista conferma che Daniel soffre di disforia di genere, i genitori assecondano la natura del figlio ed intraprendono una serie di cure mediche, a base di ormoni e farmaci che gli permetteranno di posticipare la sua pubertà  e che gli consentiranno, raggiunti i diciotto anni, di poter finalmente sottoporsi all’intervento chirurgico che lo renderà una donna.

Intanto, anche la scuola si è mobilitata in suo favore installando, nell’edificio, bagni completamente unisex per rendere il suo cambiamento, il meno traumatico possibile.

 

 

 

Fonte cover ilmessaggero.it

 

 

TODAY

24 Oct

Sunday

Le Rubriche

Photo Gallery