MATTEO TOSI RITRATTO DI UN ATTORE IN CRESCITA

Matteo Tosi attore, gentile, grande educazione, dieta ferrea, anzi vegano, seduti in un bar a Trastevere, mentre io tracanno uno spritz e mangio patatine, lui ordina con manierata gentilezza solo un cafè.

Mi parla dei suoi progetti, delle sue sceneggiature e della sua grande passione per la recitazione e il teatro.

Al grande pubblico è noto per aver partecipato alla soap opera Incantesimo , ma Matteo Tosi ha fatto anche cinema e ha studiato recitazione all’actors studios che è il tempio assoluto della recitazione . Dal questionario Proust emerge il ritratto di un ragazzo determinato e preciso che sa bene quel che vuole!



MATTEO TOSI RITRATTO DI UN ATTORE IN CRESCITA

Il tratto principale del tuo carattere.

E’ difficile da stabilire ma oggi credo di poter tranquillamente dire, senza peccare di presunzione, che sia la generosità.


La qualità che ammiri in un uomo.

La determinazione unita alla sensibilità.


La qualità che ammiri in una donna.

Il fascino dell’intelligenza.


Quel che apprezzi di più nei tuoi amici.

La lealtà. Un amico non ti deve tradire mai.


Il tuo principale difetto.

Mi fido troppo delle persone. Talvolta prendo delle “cantonate” pesanti.


La tua occupazione preferita.

Oziare. Viaggiare. Stare sul set. Vivere!


Il tuo sogno di felicità.

Il benessere fisico. Sono felice quando sto bene, un ipocondriaco è cosi.


Quale sarebbe, per te, la più grande disgrazia.

La malattia mia e delle persone che amo.


Quel che vorresti essere.

Non so esattamente cosa, ma vorrei poter viaggiare nel tempo e nello spazio.


Il paese dove vorresti vivere.

Dove esiste meritocrazia e rispetto. In ogni caso in un paese caldo, al mare.


Il colore che preferisci.

Tutti. Ogni colore esprime una precisa energia.


Il fiore che ami.

La rosa. La mia città è la città delle rose. Rovigo.


L’uccello che preferisci.

La rondine. E’ un ricordo di bambino, nidificavano sotto il tetto di casa mia.


I tuoi autori preferiti in prosa.

Pirandello e Ibsen come autore drammatico.


I tuoi poeti preferiti.

Baudelaire e Alda Merini.


I tuoi eroi nella finzione.

Mi viene in mente Billy Elliot. Il sogno contro il pregiudizio.


Le tue eroine preferite nella finzione.

Giulietta di Shakespeare. L’eroina dell’amore assoluto.


I tuoi compositori preferiti.

Bach, Vivaldi e Mozart. Tra i contemporanei Max Richter.


I tuoi pittori preferiti.

Caravaggio, Giotto, Leonardo e Michelangelo.


I tuoi eroi nella vita reale.

Mio padre e mia madre.


Le tue eroine nella storia.

Madre Teresa.


I tuoi nomi preferiti.

Il mio. Matteo significa “dono di Dio”.


Quel che detesti più di tutto.

La maleducazione e l’ingratitudine. Mi danno molto fastidio.


Quel che c’è di brutto in te.

Il mio profilo non proprio greco, e talvolta la mia impulsività


I personaggi storici che disprezzi di più.

Tutti coloro che hanno con l’inganno del potere, negato la libertà agli uomini.


Il dono di natura che vorresti avere.

Talvolta vorrei essere meno diplomatico.


Lo stato attuale del tuo animo.

Il tumulto. La serenità è un’aspirazione.


Le colpe che t’ispirano maggiore indulgenza.

Quelle che comprendo, ad esempio rubare per necessità.


Il tuo motto.

Non permettere alla paura di impossessarsi della tua vita.


Come vorresti morire.

Nel sonno. Passare dalle mani di Orfeo alle mani di Dio.


http://www.matteotosi.net/

TODAY

24 Sep

Thursday

Le Rubriche

Photo Gallery