Tutto il meglio dal Salone del Mobile 2017

TUTTO IL MEGLIO DAL SALONE DEL MOBILE 2017

PHELLEM COLLECTION di ALCAROL

Se pensiamo che il legno, con le sue infinite sfumature e i suoipoliformi strati e venature siano interessanti, non abbiamo mai guardato da vicino una corteccia.

Phellem è esattamente lo strato più esterno della corteccia di un albero; un’infinita gamma di colori, texture nuove e forme impensabili, concave, profonde, zigrinate. Viene poi ricoperta da una particolare e innovativa resina trasparente di origine biologica che, a differenza delle altre resine, non si ingiallisce nel tempo, ma conserva la sua brillantezza; in questo modo possiamo apprezzare la varietà botanica intatta della materia organica, “congelata” come appare nel suo habitat originale. Un’idea davvero poetica.

www.alcarol.com

alcarol-Phellem Console

Alcarol-Phellem Console



EO Acoustic di AOTTA 

Il vostro film preferito è “Into the wild“? Vorreste vivere nel bel mezzo di una foresta ma il mutuo, la casa, moglie e bambini non ve lo permettono? Con questi pannelli acustici vi sembrerà di vivere in un bosco, potrete tappezzare le pareti di casa e lasciare tutto il mondo fuori, il caos, il traffico della città e godervi addirittura il profumo che questi oggetti sprigionano. Sono dei panetti fonoassorbenti fatti di pino, larice, aghi di abete rosso, aghi di conifere, sono biodegradabili e rispettano l’ambiente.

www.aotta.com

Aotta



LIGHT STUDIO – Arte Architettura Scenotecnica 

Sir Francis Bacon diceva che la prima creatura di Dio fu la luce, non a torto visto che senza luce non ci sarebbe “ombra di vita”.
Alla luce, c’è ancora chi dedica il proprio amore: Light Studio, che dal 1994 approfondisce la scienza dell’illuminotecnica per dare ancora più risalto ed importanza ad oggetti, opere d’arte, luoghi di culto. Non solo un quadro, una scultura, uno spazio espositivo viene studiato nei minimi dettagli per acuirne forme e preziosità, ma anche il privato, nel suo angolo di casa poco illuminato, può dare luce a giochi di colore e chiaro scuri che altrimenti vedrebbe abbandonato.

www.lightstudio.it

Mostra “Hiroshima. Il maestro della natura” – Museo di Roma



Music Lamp – Didj-Star

Da sempre le arti posseggono una calamita che le attrae vicendevolmente; design e musica si sposano in questo progetto che ha come figlio una “lampada musicale“. Conoscete lo strumento Didgeridoo? Si pensa possa avere addirittura quindicimila anni e veniva suonato dagli aborigeni australiani, a fiato, pronunciando anche parole, suoni rumori o alternando piccole percussioni sullo strumento con boomerang o clap stick. Produce suoni affascinanti e profondi, dalle infinite sfumature; Marcello Ballardini, da questa sua grande passione, ne ha ricavato un oggetto unico e originalissimo: la music lamp, una lampada che potete suonare; si illumina con un telecomando touch per cambiare colori e intensità della luce a seconda la preferiate calda o fredda e le diverse forme dello strumento regalano melodie differenti, ce n’è per tutti i gusti. Buon divertimento!

www.aboriginaltrip.com

Music Lamp – Didj-Star



Eccentric Garden di JIWONXKIM

Al tatto sono morbidi come dei peluches, alla vista sono licheni, muschi, funghi e fiori del deserto; le creazioni di JIWONXKIM sembrano uscire da una foresta incantata.

La designer nata a Busan, in Corea del Sud, studia a Parigi per poi trasferirsi in Corea, utilizza principalmente materiali tessili e colori sgargianti per rappresentare oggetti che in natura sembrano poco interessanti, come i licheni che diventano sgabelli e funghi morbidissimi su cui sentir parlare il Brucaliffo di “Alice nel paese delle meraviglie”.

www.jiwonxkim.com

LICHENS in lana vergine



The subtract collection di Federico Pellegrini

Federico Pellegrini, architetto argentino, ha come obiettivo principale del suo lavoro quello di inventare e innovare riducendo al minimo lo spazio.
Sempre più frequenti sono le costruzioni di abitazioni di piccole dimensioni, nasce quindi l’esigenza di ridurre ai minimi termini l’utilizzo di “accessori” quali mobili, tavoli, sedie. Pellegrini crea pezzi semplici e funzionali che, piegati, limitano a zero lo spazio. Utile.

www.tenmuebles.com

Sedute pieghevoli di Federico Pellegrini



BE FAIR whazzupp – Design Customs

Customizzare casa? Oggi si può. Con Design Customs puoi “wrappare” la tua vecchia sedia, il banale tavolo in legno, tappezzare le pareti di casa e passare addirittura alla tua auto.

Cos’è il design wrapping? Una tecnica applicativa di altissima complessità che permette di cambiare pelle a differenti complementi d’arredo. La resa di stampa è perfetta, il foglio su cui viene riportata deve semplicemente essere “incollato” all’oggetto; questo procedimento ovviamente richiede capacità tecniche ed esperienza, garantita da GR Group, a cui poter chiedere supporto.

www.silvacoronel.it

Design Customs



Home Jungle di Massimo Cappella 

Ci siamo mai fermati a pensare ai “miracoli” della natura? Quante volte per strada camminiamo e vediamo spuntare quel ciuffetto verde dal cemento? Contro ogni agevolazione di ambiente e terreno, la natura fa il suo corso, più forte, con una voce più potente della mano dell’uomo che cementifica tutto; quel fiorellino, quell’erbetta innocente esce e ci regala un sorriso. Massimo Cappella ha riflettuto su questo “regalo” di Madre Terra e ha trasformato il “miracolo” in un oggetto di design: un vaso di marmo di Carrara, sopra cui viene intagliata la crepa da cui spunta il fiore. Una bella poesia.

www.massimocappella.com

cappella

Home Jungle – Massimo Cappella



Where Athena lives di Olivia Lee

Sempre più narcise, sempre più indipendenti e allo stesso tempo dipendenti dalla tecnologia, la donna moderna necessita di giusti attrezzi per la propria bellezza.
Ispirato alla dea greca della conoscenza e della guerra, Athena, la collezione di Olivia Lee è un altare dove farsi belle con una perfetta illuminazione, utile anche per un photoshoot, perché no, un selfie, una video chiamata – tutti gli accessori sono creati per agevolare i passaggi social che oramai fanno parte del nostro quotidiano. E se siete delle vere nostalgiche e volete fare due chiacchiere reali con la vostra amica, c’è anche un utile tavolino dove prendere un tè.

www.olivia-lee.com

Where Athena Lives – Olivia Lee





Potrebbe interessarti anche:

TUTTO IL MEGLIO SULLA MILANO DESIGN WEEK

TODAY

16 Dec

Saturday

Le Rubriche

Photo Gallery