bianca cover

Bianca Jagger, icona dal fascino intramontabile

Ci sono icone il cui fascino resta indelebilmente scolpito nell’immaginario collettivo di intere generazioni. Modella, attrice, icona di stile, socialite e attivista politica, Bianca Jagger è riuscita come poche a sfatare il vecchio ma sempreverde tabù che guarda con sospetto al connubio di bellezza e intelligenza.

Sopravvissuta brillantemente agli eccessi della New York anni Settanta, la sua bellezza da copertina ha ammaliato fotografi del calibro di Cecil Beaton, Richard Avedon, Patrick Lichfield, solo per citarne alcuni; ma spenti i riflettori sul suo matrimonio celebre con il divo per antonomasia, Mick Jagger, anche dopo essere uscita da anni dalle luci della ribalta, la ritroviamo, senza un briciolo di botox, ancora bella alla veneranda età di 71 anni, in prima linea nella lotta per i diritti umani.

All’anagrafe Bianca Pérez-Mora Macias, la futura icona di stile nasce a Managua, Nicaragua, il 2 maggio 1945. Suo padre era un mercante e la madre una casalinga. I due divorziarono quando Bianca aveva dieci anni e lei e i suoi due fratelli vennero affidati alla madre. Non ancora ventenne, la giovane Bianca ottenne una borsa di studio per andare a Parigi, dove frequentò con profitto il prestigioso Istituto di studi politici di Parigi, conosciuto come Sciences Po. Erano gli anni della Beat Generation e della contestazione giovanile; anni impegnati, anni divisi tra lotte studentesche e vita notturna. Influenzata da Gandhi e dalla filosofia orientale, Bianca si recò diverse volte in India.

Bianca Jagger in uno scatto di Richard Avedon, 1972

Bianca Jagger in uno scatto di Richard Avedon, 1972



1971

Una foto del 1971



Bianca Jagger in una foto di Patrick Lichfield, 1976

Bianca Jagger in una foto di Patrick Lichfield, 1976



Bianca Jagger alla sua festa di compleanno allo Studio 54, foto di Rose Hartman, 1977

Bianca Jagger alla sua festa di compleanno allo Studio 54, foto di Rose Hartman, 1977



Nel settembre 1970 l’incontro della vita: a Parigi, ad un party dopo un concerto dei Rolling Stones, Bianca incontra Mick Jagger. Lei, procace bellezza esotica, sembrava fatta apposta per lui, strampalato e ribelle. Opposti eppure complementari, come accade spesso in amore: e fu certamente amore a prima vista per i due, che convolarono a nozze il 12 maggio 1971 a Saint-Tropez, con rito cattolico. Un matrimonio entrato nella storia: incinta di quattro mesi, il décolleté sembrava sul punto di esploderle sotto al tailleur maschile bianco disegnato per lei da monsieur Yves Saint Laurent. Le foto iconiche degli sposi che lasciano la chiesa a bordo della macchina sono entrate nella storia. Lui, alticcio, perso nei fumi della sua fama, e lei, compagna fidata e fedele, sempre pronta a riportarlo a terra con il suo amore. La loro unica figlia, Jade, nacque a Parigi il 21 ottobre 1971.

In tuxedo, 1979

In tuxedo, 1979



Bianca Jagger in una foto di Ron Galella, 1974

Bianca Jagger in una foto di Ron Galella, 1974



Bianca Jagger in uno scatto di Terry O'Neill, 1978

Bianca Jagger in uno scatto di Terry O’Neill, 1978



Bianca Jagger, foto di Cecil Beaton, 1978

Bianca Jagger, foto di Cecil Beaton, 1978




SFOGLIA LA GALLERY:




Il matrimonio tenne banco su tutti i tabloid: Bianca e Mick erano la coppia più paparazzata, protagonisti indiscussi del jet set internazionale. Ma le nozze durarono solo otto anni. Nel maggio 1978 arrivò inesorabile il divorzio: Bianca, personalità e grinta da vendere, non poteva certo accettare lo scotto del tradimento di Mick, che ormai faceva quasi coppia fissa con la modella Jerry Hall, biondissima e algida, così diversa da lei. Bianca ricorderà il matrimonio dicendo che si concluse lo stesso giorno in cui venne celebrato.

Intanto lei era entrata di diritto nell’Olimpo dello stile: nessuna riusciva ad unire la sua naturale carica erotica, potenzialmente esplosiva, impressa nel DNA sudamericano, ad una sofisticata eleganza di stampo europeo. Pelle ambrata, labbra carnose e occhi profondi, la vediamo fare un ingresso trionfale allo Studio 54 -di cui era presenza fissa- in sella ad un cavallo bianco, nel giorno del suo compleanno, o in una delle innumerevoli uscite ufficiali al fianco di Mick: belli e dannati, ma anche iconici nel loro stile inimitabile. Musa di designer del calibro di Halston e Yves Saint Laurent, trendsetter ante litteram, il suo era uno stile tipicamente Seventies: tra turbanti e dettagli glam, dai lunghi abiti costellati da profondi drappeggi e scollature mozzafiato, fino all’iconico tuxedo maschile, che non ne offuscava mai la linea sinuosa. Presenza fissa della International Best Dressed List, il suo stile è entrato nella storia del costume, divenendo emblema degli anni Settanta.

Bianca Jagger è stata fotografata dai più grandi, dall’intimo amico Andy Warhol a Cecil Beaton, da Francesco Scavullo a Patrick Demarchelier. Innumerevoli le cover, a partire da Vogue UK del 1974. Inoltre prese parte anche a diverse pellicole come attrice.

bianca zand

In Zandra Rhodes, per il Sunday Times, 1972



z

Ancora uno scatto per il Sunday Times, 1972



Bianca Jagger in uno scatto di George Hurell, 1977

Bianca Jagger in uno scatto di George Hurrell, 1977



Bianca Jagger in una polaroid di Andy Warhol, 1979

Bianca Jagger in una polaroid di Andy Warhol, 1979



bianca kkk

Bellezza esotica e charme europeo, Bianca Jagger era richiestissima come modella



Bianca Jagger negli anni Settanta

Bianca Jagger negli anni Settanta



Mick e Bianca Jagger nel giorno del loro matrimonio, Saint-Tropez, 1972

Mick e Bianca Jagger nel giorno del loro matrimonio, Saint-Tropez, 1972



Non solo mondanità ma anche impegno sociale per la bella Bianca. Dopo aver cominciato, ancora giovanissima, ad interessarsi di cause sociali e di diritti umani, si espresse più volte su temi come il genocidio, la guerra in Iraq, i crimini contro l’umanità e i cambiamenti climatici. Inoltre si schierò apertamente a favore dei diritti delle donne e contro la pena di morte. Nel 1972, dopo il terremoto che distrusse il Nicaragua, organizzò il primo concerto a scopo benefico della storia. Dopo aver istituito la Bianca Jagger Human Rights Foundation, di cui è a capo, dal 2003 è ambasciatrice del Consiglio d’Europa e membro del consiglio esecutivo di Amnesty International. Tra le maggiori attiviste politiche, vanta collaborazioni con diverse organizzazioni umanitarie, tra cui Human Rights Watch. Nonna felice di Assisi Lola (nata nel 1992) e Amba Isis (nata nel 1996), nel 2014 è diventata bisnonna.

Halston, Bianca Jagger e Liza Minelli, foto di Ron Galella, Studio 54, 1978

Halston, Bianca Jagger e Liza Minelli, foto di Ron Galella, Studio 54, 1978



Bianca Jagger ritratta da Eric Boman per Vogue, 1974

Bianca Jagger ritratta da Eric Boman per Vogue, 1974



biancaaa

La bella Bianca Jagger fin dalla giovinezza era interessata alle cause umanitarie



Bianca Jagger, foto di George Hurell, 1978

Bianca Jagger, foto di George Hurrell, 1978



Bianca Jagger in una foto di Jeannette Montgomery Barron, 1983

Bianca Jagger in una foto di Jeannette Montgomery Barron, 1983




Potrebbe interessarti anche:
Nasceva oggi Edie Sedgwick, musa di Andy Warhol

TODAY

28 Apr

Friday

Le Rubriche

Photo Gallery