Giorgio Armani veste lo stile di velluto nero

Annullare ogni dettame di sensualità forzata per descrivere una donna affascinante ed elegante con capi casti e dalla linea prettamente maschile.

Giorgio Armani chiude la settimana della moda milanese con una collezione che invalida la miriade di colori presentati sinora, di capi succinti e accostamenti osati a favore di una individuale e sorprendente austerità e l’abuso convincente di toni cupi che depurano da ogni eccesso il défilé più atteso degli ultimi appuntamenti della fashion week nostrana.

La classe di Re Giorgio passa innanzitutto dal velluto: tessuto regale della collezione, adoperato sia su pantaloni comodi che su giacche a doppio petto e su abiti da sera.

Giorgio,  attraverso questo progetto creativo, insegna che l’eleganza non ha bisogno di orpelli o declamate dichiarazioni di stile, nemmeno di effetti scenografici imponenti.

La collezione autunno/inverno 16-17 potrebbe essere definita, peraltro, la sintesi del pensiero del couturier italiano: “L’eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare”.

L’impianto esecutivo della collezione si sviluppa sul concetto di abolizione di genere tra uomo e donna, idea nutrita  ed applicata ormai da anni, dallo stilista.

L’eleganza della donna pensata da Giorgio Armani si insinua, infatti, nella sua classe innata. Capi essenziali, mocassini e clutch. Linee pulite, giacche aderenti e farfalle bijoux che impreziosiscono gli outfit di una semplicità disarmante.

Ricami, timide ruches, fiocchi, lavorazioni dévoré e fantastici fiori stilizzati, galvanizzano la collezione a livelli altissimi.

Nessuna vanità, alcuna ostentazione: i capi proposti da Giorgio Armani sono stati creati per essere acquistati da chiunque e indossati in svariate situazioni.

Del resto, la moda si avvicina sempre più alla gente comune e Re Giorgio è a tutti gli effetti il precursore di questa tendenza.

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

(fonte Madame Figaro)

(fonte Madame Figaro)

 

 

 

Immagine copertina d.repubblica.it

 

 

TODAY

18 Oct

Monday

Le Rubriche

Photo Gallery