L’eclettismo sperimentale di Ports 1961

Ports 1961 lascia Milano e sbarca a Londra per presentare la collezione autunno/inverno 2017-2018: Nataša Cagali, direttrice creatica della linea donna del brand, torna nella Capitale britannica, dove vive e lavora, e dove si è anche diplomata presso la prestigiosa Central Saint Martin. La designer presenta una collezione altamente sperimentale tanto nella scelta dei materiali quanto nella scelta dei colori, ispirata ad un’anima globetrotter: il marchio cino-canadese sembra esplorare la dimensione domestica di un viaggiatore contemporaneo, in bilico tra note otpical e tailoring. Sfilano note knitwear e tricot accanto a cromatismi e grafismi audaci che rimandano alle decorazioni di certo interior design: tra suggestioni pop sfilano macro-paillettes e pulizia, in bilico tra inedite ispirazioni che guardano al decor e capi impreziositi da pannelli ed oblò. Ricordano certi tappeti marocchini alcuni dei capi che si alternano sulla passerella, tra abiti stretch, top come veli e pantaloni. Strizzano l’occhio agli Swinging Sixties gli specchietti psichedelici che impreziosiscono alcuni capi, tra cut out strategici posizionati su camicie e volumi affascinanti e fluidi. Eclettica ed accattivante, la donna Ports 1961 non lesina in volumi scultorei e sovrapposizioni ardite: le maniche tagliate si assemblano talvolta a guanti in maglia, mentre le t-shirt raffigurano calici. Innovativa e sperimentale, la collezione sembra voler mixare citazioni neoclassiche al più ardito futurismo, in un melting pot irriverente. Suggestioni orientali nei kimono rossi e nelle linee pulite con cintura in vita, mentre spuntano qua e là anche maxi pellicce da indossare su maglie a righe black and white, di netta ispirazione anni Sessanta. Le silhouette sono decostruite e il mood predominante prevede un audace mix di sovrapposizioni.

TODAY

29 Oct

Thursday

Le Rubriche

Photo Gallery