Pitti 91 – Gabriele Pasini: l’abito 3 pezzi

Gabriele Pasini codifica l’abito


Ricerca dell’aristocrazia contemporary: aristonet
P come Pasini che in questo studio connette la natura dei tessuti (naturale-artificiale) e le categorie dell’abbigliamento (formale, informale e militare). Si fondono anche i riferimenti culturali dagli zazous ai rampanti ’90, in uno stile senza un riferimento preciso.


Abito tre pezzi in lana pettinata con micro disegni jacquard, camicia bianca con bastoncino azzurro chiusa al collo con ferma cravatta. Cravatta con disegno madras su fondo blu e scarpa smoking in pelle lucida con nastro in raso.

Abito tre pezzi in lana pettinata con micro disegni jacquard, camicia bianca con bastoncino azzurro chiusa al collo con ferma cravatta.
Cravatta con disegno madras su fondo blu e scarpa smoking in pelle lucida con nastro in raso.




Abiti in 3 pezzi con giacche a doppio petto e pantaloni morbidi; costanti, la camicia e la cravatta a contrasti spiazzanti.
Il panciotto è sempre a doppio petto con rever a scialle e schiena di tessuto operato: una smart jacket senza maniche da indossare anche da sola, non necessariamente col completo. E il 3 pezzi diventa 4 o più pezzi, si può definire senza dubbio uno SMART Gilet.


Cappotto blu navy in jersey pesante con bottoni militari, giacca in lana occhio di pernice “macro” e gilet in flanella cammello indossati su pantalone doppio tessuto. Camicia pigiama oxford e cravatta regimental a righe fluo. Scarpa doppia fibbia in pelle spazzolato bordeaux.

Cappotto blu navy in jersey pesante con bottoni militari, giacca in lana occhio di pernice “macro” e gilet in flanella cammello indossati su pantalone doppio tessuto. Camicia pigiama oxford e cravatta regimental a righe fluo. Scarpa doppia fibbia in pelle spazzolato bordeaux.




I check delle fodere dei trench inglesi più iconici, trasferiti sulle superfici dei capi spalla: gli interni diventano “cover” di cappotti e giacche. Linee morbide e vita alta che a tratti ricordano gli zazous: movimento francese che durante la seconda guerra mondiale per protesta al regime nazista parodiava lo stile inglese e dell’America di Hollywood.
I materiali sono lane anglosassoni sempre tagliate con fibre tecnologiche per mischie No stress: poliestere, nylon e poliammide.


Chiodo bomber in montone con disegno british in jersey su schiena. Dolcevita blu con lavorazione jacquard spina di pesce marrone, indossato con pantalone denim modello zazous.

Chiodo bomber in montone con disegno british in jersey su schiena. Dolcevita blu con lavorazione jacquard spina di pesce marrone, indossato con pantalone denim modello zazous.




“Il 100% non è più contemporaneo nell’era del reale/virtuale”


cit. Gabriele Pasini


Potrebbe interessarti anche:


Pitti Uomo 91 – Il Best of della prossima Stagione Invernale


Il meglio dello StreetStyle del Pitti Uomo 91


Preppy Style: lo stile dei “ Bravi Ragazzi”


Pitti 91: Angelo Inglese – Per una camicia “Presidenziale”


Pitti 91 – Lardini: The Digital Gentleman

TODAY

27 Jul

Thursday

Le Rubriche

Photo Gallery