mg-tc-smq-1

Spericolato come Steve McQueen: The King of Cool

A Parigi, in mostra lo stile dell'attore più cool di Hollywood

Se qualche maschio insicuro vuole reinventarsi il look, please non cadere nell’errore di curiosare sul profilo Instagram di qualche elegantone contemporaneo (o presunto tale). Non ne vale la pena.


Invece, se siete passati da Parigi, anche solo per qualche giorno, spero abbiate fatto visita alla Galerie Joseph, al 116 di rue de Turenne, quartiere del Marais. Fino al 30 di agosto è andato in scena lo «Steve McQueen Style»: lo stile dell’attore americano, scomparso a cinquant’anni, nel 1980, qui analizzato e scomposto nei suoi elementi fondamentali.


Steve McQueen

Steve McQueen




Insomma, come diventare un perfetto Steve McQueen . Che si dirà, senza quegli occhi d’acciaio lì o il fisico che aveva, dove vai, ma l’illusione è l’ultima a morire.  
Locandine di film, foto di lui su un set o in una delle sue ville americane. Persino la Mustang Fast, replica, appena restaurata, utilizzata nell’epico inseguimento di Bullitt, indimenticabile pellicola del 1968. E ancora opere di artisti contemporanei ispirati all’attore. Ma è stato il secondo piano, quello dello «Steve McCool».


Steve McQueen

Steve McQueen




Perché con qualsiasi capo, aveva sempre questa capacità: “Di sembrare cool, a suo agio” ricorda Patrice Gaulupeau, curatore della mostra. Nei film aveva sempre stilisti che decidevano cosa dovesse indossare. Ma poi lui se ne appropriava con una naturalezza incredibile.


Certi accessori, come i Persol pieghevoli o l’orologio «Monaco» di Tag Heuer, sfoggiato nel film Le Mans, li portava anche nella vita di tutti i giorni, come gli scarponcini Desert Boots (nella prima versione, inventata da Clarks). Rese famosi due tipi di giubbotti, indossandoli per interpretazioni memorabili: l’Harrington G9 (di Baracuta, corto, impermeabile, concepito inizialmente per il golf) e il bomber Ma-1, visibile nella sua ultima pellicola Il cacciatore di taglie. «Ma nella vita di tutti i giorni – continua a raccontare Gaulupeau – d’inverno preferiva giacche con le toppe ai gomiti o semplici pullover. Usava molto denim e, d’estate, polo bianche o chiare e pantaloni leggeri (chinos), già molto slim, modernissimi oggi».





Il «king del cool» era in realtà tormentato, vittima dei miraggi della droga, con relazioni amorose burrascose. Dalla vita spericolata. Ma dalle foto non traspare. Ha sempre quel sorriso sornione, un’estetica rassicurante, curatissima, di grande classe. Meglio ricordarlo così. E prenderne il meglio.


Potrebbe interessarti anche:


“Sir” Thomas Sean Connery: l’eleganza di 007


Robert Redford : nato nell’anno degli Uomini Alfa


Paul Newman: Attore e Pilota, il vero volto di Hollywood


Marlon Brando Stile in divisa: Jeans e T-Shirt   

TODAY

26 Sep

Tuesday

Le Rubriche

Photo Gallery