Stella McCartney sempre più ecosotenibile

Chi rispetta gli animali, oggi ha un motivo in più per acquistare i capi della stilista inglese Stella McCartney.

La figlia del rocker Paul McCartney, sempre attenta alle dinamiche animaliste, dopo aver bandito il vello di animale nelle sue creazioni e aver eliminato dalle sue collezioni il PVC, in queste ore ha fatto sapere che impiegherà, per il confezionamento dei capi, il Re.Verso e cioè un nuovo tessuto prodotto in Italia che nasce dalla rigenerazione del cashmere già impiegato nel tessile.

 

(fonte immagine stellamccartney.com)

(fonte immagine stellamccartney.com)

 

(fonteimmagine stellamccartney.com)

(fonte immagine stellamccartney.com)

 

 

In questo modo, la designer promette di incrementare il suo impegno per una moda ecosostenibile.

La sempre più crescente richiesta di capi lussuosi e l’agguerrita concorrenza dei marchi low cost nei confronti delle maison blasonate, ha scatenato una vera bagarre per chi si “accaparra” il vello delle capre ad un prezzo minore, causando pertanto, maggiori rischi per l’ambiente; il 90% delle prateria della Mongolia, è a rischio desertificazione visto che sempre più capi di bestiame vengono lasciati pascolare.

L’obiettivo di Stella è di attestare l’impatto ambientale al 2% entro il 2016 e questo potrà avvenire grazie a Re.Verso.

 

 

 

 

Fonte cover huffingtonpost.com

TODAY

24 Oct

Sunday

Le Rubriche

Photo Gallery