io-sono-il-sarto-moroni-a-bergamodal-4-dicembre-in-tre-spazi-espositivi_f9f997e4-83b6-11e5-996c-8c654451bada_936_1134_new_header_vert_larg

Il Sarto di Moroni torna a Bergamo

Giovan Battista Moroni (Albino, 1520 circa -1579) è stato uno dei più grandi artisti rinascimentali che ha dipinto un quadro rimasto celebre nella storia dell’arte: Il Sarto.
Si tratta di un’opera bella ed enigmatica che nel 1862 fu ceduta alla National Gallery di Londra ma che finalmente torna in Italia dopo oltre 150 anni .
E’ questo bellissimo sarto l’emblema della mostra monografica: Io sono il Sarto. Moroni a Bergamo che potrà essere ammirato fino al 28 febbraio in tre sedi: l’Accademia Carrara, Il museo Bernareggi e Palazzo Moroni.


Su questo quadro si narrano varie leggende, è bello e orgoglioso questo giovanotto ed è strano che venga dipinto come se si trattasse di un principe.
Il sarto è un artigiano, vestito secondo la moda del tempo ed è impeccabile, non si conosce il nome e forse non si tratta nemmeno di un sarto ma di un mercante di tessuti della famiglia Marinoni.
Tuttavia, al di là delle congetture, il quadro ha un fascino innegabile, non solo per la bellezza e l’eleganza del giovane ma per quel modo delicato di tenere tra le mani le forbici, allusivo, enigmatico, elegante nella composizione, bellissima la camicia bianca di taglio rinascimentale con le maniche a sbuffo e i pantaloni paggetto rossi stretti dalla cinta .
Particolare ancor più sofisticato il sarto ha un piccolo anello d’oro sul mignolo, un’icona di stile datata 1570.


Comments are closed.

TODAY

17 Jun

Monday

Le Rubriche

Photo Gallery