Gli Stati Uniti e Cuba sono sempre più vicini

L’ambasciata USA a Havana e quella cubana a Washington riapriranno i loro battenti per la prima volta dal 1961

Obama ha annunciato la riapertura dell’ambasciata degli Stati Uniti d’America a Cuba. Palazzo Chancery era chiuso dal 1961, anno in cui i due stati avevano deciso di interrompere i rapporti diplomatici, da allora l’ambasciata svizzera a Havana ha funzionato da rappresentante degli Stati Uniti a Cuba e l’ex ambasciata cubana a Washington è diventata la Cuban Interests Section in Washington, una ambasciata de facto ma senza i crismi della missione diplomatica.


La riapertura delle rispettive ambasciate e l’ultimo atto del processo di distensione tra i due stati, un obiettivo di Obama e di Raul Castro, obiettivo perseguito con lunghi e fitti colloqui segreti resi pubblici dopo la storica stretta di mano tra Obama e Raul Castro a Panama (Una stretta di mano in realtà c’era già stata al funerale di Nelson Mandela). Questa riapertura diplomatica si candida a essere una delle più pesanti eredità della presidenza Obama e uno degli argomenti più dibattuti delle prossime presidenziali.


Obama ha continuato la sua campagna al Congresso a maggioranza repubblicana affinché venga rimosso l’embargo turistico e commerciale che è diventato sempre più stretto con il passare degli anni. I repubblicani ne hanno fatto un punto d’onore e hanno risposto con (quasi) una sol voce che questa svolta diplomatica è indirettamente il riconoscimento di un regime dittatoriale e molti candidati alle primarie repubblicane hanno promesso che una volta diventati presidenti bloccheranno l’avvicinamento e non confermeranno l’ambasciatore a l’Havana, non finanzieranno l’ambasciata e manterranno stretti limiti al commercio tra i due stati.


Le relazioni diplomatiche verranno ufficialmente ristabilite il 20 luglio. John Kerry, il segretario di Stato, andrà a Havana a issare la bandiera americana sopra palazzo Chancery. Kerry ha già dichiarato di non vedere l’ora di essere il primo segretario di Stato dal 1945 a tornare sull’isola. L’ambasciatore sarà il diplomatico che gestisce il piccolo avamposto diplomatico sull’isola, Jeffrey DeLaurentis, quantomeno prima di una conferma ufficiale.

TODAY

07 Dec

Tuesday

Le Rubriche

Photo Gallery