coreadelnord

La Corea del Nord è tornata a minacciare gli Stati Uniti

La Corea del Nord ha dichiarato di aver migliorato la sua tecnologia nucleare e che potrebbe attaccare gli Stati Uniti qualora fosse necessario

La Corea del Nord ha dichiarato che userà il suo “fortemente migliorato” arsenale nucleare contro gli Stati Uniti in qualunque momento lo ritenesse opportuno a causa della folle politica aggressiva degli USA nei loro confronti. L’agenzia di stato nordcoreana ha dichiarato che il reattore di Yongbyon è stato fatto ripartire due anni fa e nello stesso periodo l’isolata nazione asiatica avrebbe iniziato un nuovo progetto di arricchimento dell’uranio. La centrale era stata chiusa nel 2007 dopo un accordo con alcune potenze tra le quali gli USA.


Tutte le strutture usate per la produzione di bombe atomiche a Yongbyon erano state riadattate per uso civile, incluso lo stabilimento per la produzione di uranio arricchito e il reattore. Un sito che si occupa di Corea del Nord ha inoltre pubblicato delle immagini che sembrano mostrare una attività nel sito di Yongbyon.


Le minacce sono arrivate il giorno dopo l’annuncio di un lancio di un missile per la ricerca aerospaziale. Che usando la solita propaganda Pyongyang ha detto che lanceranno in barba agli accordi internazionali in quanto anche loro hanno diritto a fare ricerca.


Voci dal paese sostengono che il 10 ottobre è programmato un lancio per mandare in orbita un satellite ma fonti ben informate sostengono che fino ad ora non è presente nessun missile nel poligono di lancio.


I lanci di missili non militari in Nord Corea sono sempre stati associati a test di missili balistici intercontinentali. Le differenze tra i due tipi di missili, difatti, sono poche. Secondo alcuni esperti i nordcoreani sarebbero arrivati ad avere la tecnologia necessaria per lanciare degli ICBM dopo il successo del lancio di un satellite nel 2012. Quel lancio ha spaventato il mondo in quanto fino a quel momento nonostante la propaganda nessun missile nordcoreano era ritenuto pericoloso.


La Cina, l’alleato più stretto della Corea del Nord ha dichiarato che la Corea deve attenersi alla risoluzione ONU che gli proibisce di lanciare missili.
Questi lanci arrivano in quello che sembrava un buon momento nei rapporti tra Corea del Nord e Corea del Sud che era risultato dalla risoluzione della crisi di confine in cui c’erano state piccole schermaglie tra i due stati. Pyongyang aveva espresso dispiacere per una mina che aveva ferito due soldati del sud mentre Seoul aveva deciso di spegnere gli altoparlanti che diffondevano propaganda ad alto volume verso i loro vicini.

TODAY

30 Apr

Sunday

Le Rubriche

Photo Gallery