4947751480_256fafb486_o

La marijuana diventerà legale anche in Italia?

Anche in Italia è stato fatto il primo passo verso la legalizzazione della marijuana e la coltivazione sperimentale è già partita

L’Italia si metterà, forse, al passo con molti altri paesi al mondo e legalizzerà il consumo di marijuana. L’intergruppo parlamentare Cannabis legale si è accordato su di un testo preventivo che ha l’obiettivo di legalizzare il consumo, la coltivazione, la produzione e la vendita di marijuana secondo certe condizioni. Il testo è stato firmato da 218 membri del parlamento. Quindi non solo i soliti proponenti. Tra i firmatari ci sono parlamentari del Movimento 5 stelle, i verdi e molti parlamentari PD. Tra questi anche il vicepresidente della Camera dei deputati Roberto Giachetti.


Il manifesto del gruppo recita: Pensiamo che in Europa e in Italia abbia senso lavorare per seguire l’esempio di altri stati che per primi hanno instaurato un regime di pieno riconoscimento legale della produzione, vendita e consumo di cannabis.


Il testo sarà presentato in Parlamento e permetterà agli italiani di coltivare la marijuana come membri di “Cannabis club” dove potranno essere iscritti un massimo di 50 elementi. in questi club si potrà coltivare in gruppo la marijuana e poi condividere la cannabis con una proibizione per quanto riguarda la vendita.


Lo stato poi controllerebbe le vendite e le licenze di produzione e distribuzione dei prodotti. Il ragionamento dietro la proposta è che una piena legalizzazione della cannabis permetterebbe allo stato di regolare il consumo e di guadagnare soldi dalla commercializzazione e di risparmiarne dalla lotta alla droga. La proposta arriva dopo la relazione della commissione antimafia la quale denuncia la scarsa efficacia delle politiche antidroga in Italia.


Matteo Salvini, il leader della Lega Nord e il portabandiera della destra italiana si è già detto contrario alla proposta. Salvini ha dichiarato che la prostituzione, per cui Salvini è a favore della legalizzazione, non nuoce a nessuno mentre la marijuana si.
Il gruppo interparlamentare ha commissionato un sondaggio alla IPSOS e il 60% delle persone intervistate si è detto favorevole alla legalizzazione della cannabis.


In Europa la Spagna o il Portogallo hanno decriminalizzato il consumo mentre in Olanda, nonostante la presenza dei coffee shops la cannabis non è legale. I coffee shops ottengono il prodotto in modo formalmente illegale. Negli scorsi anni l’Uruguay e alcuni stati americani hanno legalizzato la marijuana in modo simile a quello che intende fare l’Italia e i risultati sono stati, dal punto di vista economico, sopra ogni aspettativa.


L’Italia poco tempo fa si era già mossa a livello statale per la creazione di farmaci a basa di cannabis. In una base dell’esercito che si occupa di produzioni farmaceutiche a Firenze è stato creato il primo campo di marijuana legale in Italia. La creazione di farmaci a base di marijuana è in grandissima crescita in Europa e i laboratori farmaceutici dell’esercito erano costretti a importare la materia prima dall’Olanda, ora sono indipendenti.


Il laboratorio dell’esercito è specializzato nella ricerca e produzione di medicinali per le malattie rare per cui le case farmaceutiche non hanno interesse a creare farmaci. La produzione fatta “in casa” ha abbassato i costi della marijuana medica per il laboratorio dell’esercito del 50%.
Sarà l’Italia, per una volta, un paese all’avanguardia in Europa e tra i primi al mondo in questo campo?

TODAY

28 Apr

Friday

Le Rubriche

Photo Gallery