img

Artemisia Domus, la Luxury Guest House nel cuore di Napoli

Napoli è per definizione la città dell’accoglienza, dove ogni luogo è casa, dove il rito del caffè non è solo degustazione ma condivisione, intimità e ascolto. Napoli è un po’ come quelle donne materne dai seni grandi, come quelle zie che ti tendono le mani per avvolgerti in un abbraccio caldo e profondo, quelle che ti lasciano un ricordo carico di profumi e di sensazioni fascianti. Checchè se ne dica, Napoli rimane nel cuore di tutti, perchè è ruffiana sì, perchè ti frega è vero, con quel suo piglio da scugnizzo, malandrino e peccatore, ma è sempre di cuore, magnanima e generosa. E Napoli è i suoi napoletani, che ti inondano di racconti e filastrocche, di friselle e di favulelle, quel popolo che apre le porte di casa anche a te sconosciuto, che ti mostra con orgoglio il frutto del suo umile lavoro, che mette le famiglia sopra ogni cosa, che sente la forza della radice, del luogo da cui viene e a cui sempre tornerà.

Della stessa pasta, una dimora unica nel suo genere, formata da uno staff tutto partenopeo, l’Artemisia Domus. Una struttura sita in uno storico palazzo di fine ‘700, Patrimonio Unesco, che sta tra Piazza del Gesù e Spaccanapoli, centro nevralgico da cui è possibile raggiungere a piedi tutte le destinazioni e le mete locali.

Artemisia Domus, degno di ogni palazzo nobiliare, porta con sé tutti i segreti della storia: si narra infatti che fosse un tempo adibito a casa di piacere. E a testimoniarlo sono i grandi specchi tondi e convessi di strada trovati all’entrata della porta principale, prima della ristrutturazione; con sé, i piccoli lavabo presenti dentro ogni stanza e qualche foglio sgualcito con tariffari, purtroppo andati persi e soppiantati invece da un certosino recupero delle preziosità del luogo, come il grande portone bianco oggi adibito a bancone reception, le geometriche lampade in rame arrugginito sulle pareti, le piastrelle in ceramica dei pavimenti oggi utilizzate come base al bancone bar e per i tavolini nella zona lounge.



Artemisia Domus è certo un palazzo carico di fascino, che accoglie gli ospiti in nove diverse suite ove possibile scegliere una spa privata in camera, come per l’ampia e luminosa “Nicea” le cui finestre affacciano su Castel Sant’Elmo e sulla splendida Certosa di San Martino. Gli alti soffitti sono sormontati da travi in legno a vista, il pavimento è in parquet, richiamato dai colori caldi dell’arredamento e dalla luce delle grandi lampade da terra. King size anche il letto matrimoniale con topper in memory, divano letto e una jacuzzi per quattro persone con cromoterapia, in cui tutti i toni del rosso sono variabili in base al vostro gusto. La suite è totalmente insonorizzata e dotata di ogni comfort: smart tv, cassaforte, frigobar e kit di cortesia da bagno.

Il nome della struttura omaggia la pittrice Artemisia Gentileschi, che nel 1630 visse una parentesi della sua vita proprio a Napoli, costituita in quel periodo da un eminente fervore culturale e intellettuale. All’entrata, una copia di “Autoritratto come allegoria della Pittura” datato 1638/39, ne ricorda il valore artistico e storico, ripreso poeticamente dal nome dato ad ogni stanza, donne che la Gentileschi rappresentò con la sua impronta creativa, fiera e femminista.



Artemisia Domus è la Luxury Guest House nel cuore di Napoli, dove poter vivere questa città di sconfinata bellezza, con comodità e benessere, perchè oltre alla spa e alla sauna privata, è possibile prenotare un massaggio personalizzato professionale in camera. Lo staff sarà sempre pronto a consigliarvi luoghi e mete in base ai vostri gusti ed esigenze, offre gite in barca alla scoperta delle isole più belle, escursioni in motoscafo privato verso la Costiera, noleggio biciclette e tour culturali nel centro città, dove poter fare una sosta per assaggiare lo sfizioso “O pere o ‘o musso”, una specie di trippa bollita servita fredda con sale e limone, piatto popolare da leccarsi i baffi; o degustare, per i più lussuriosi, le classiche sfogliatelle ripiene di crema pasticcera; il posto all’inferno è invece riservato ai cultori della “pizza a portafoglio”, da mangiare rigorosamente per strada e piegata in quattro in carta da forno, mentre si sceglie un mini presepe da potare a casa, piccolo miracolo dell’artigianalità napoletana. E ringraziamo Iddio che ha creato Napoli, che a Napoli si ride, mica si muore!

Artemisia Domus si trova in Via dei Carrozzieri 13, Napoli

artemisiadomus.com

(testo e foto @ Miriam De Nicolo’)

TODAY

13 Nov

Wednesday

Le Rubriche

Photo Gallery