Auguri a Linda Evangelista

La top model canadese spegne oggi 51 candeline

Occhi da gatta, fisico scultoreo e volto incantevole. Lo charme innato risuona in quel nome italiano, che, dagli anni Novanta ad oggi, si è impresso indelebilmente nella storia della moda. Linda Evangelista, camaleontica diva del fashion biz, spegne oggi cinquantuno candeline. «Non mi alzo dal letto per meno di 10 mila dollari al giorno»: come non ricordare la sua celebre affermazione, marchio di fabbrica di un fenomeno destinato a cambiare per sempre il corso della moda.

Le chiamavano supermodelle: lei, Naomi, Claudia, Cindy, Christy. Niente a che vedere con le anonime mannequin che fino a quel momento avevano calcato le passerelle: ora le modelle divenivano vere e proprie icone. Capricciose, autentiche dive, idolatrate e venerate fino ai giorni nostri.

Nelle vene di Linda Evangelista scorre sangue italiano: nata a St. Catharines, in Ontario, il 10 maggio 1965, i suoi genitori sono due immigrati italiani originari di Pignataro Interamna, in provincia di Frosinone. Linda ha sempre avuto le idee chiare: a soli dodici anni sfoggiava impressionante consapevolezza, dichiarando risolutamente che l’unico lavoro che avrebbe mai fatto in vita sua sarebbe stato la modella. Nel 1978 vince il concorso di Miss Teen Niagara: la perfezione di quel volto non passa inosservata. Un talent scout la nota immediatamente. È un attimo e la ritroviamo sulla cover di Vogue.

linda cover3

Linda Evangelista è nata a St. Catharines, in Ontario, il 10 maggio 1965



Linda Evangelista in una foto di Steven Meisel per Vogue Italia (giugno 1990)

Linda Evangelista in una foto di Steven Meisel per Vogue Italia (giugno 1990)



Linda Evangelista in uno scatto di Peter Lindbergh, Vogue 1990

Linda Evangelista in uno scatto di Peter Lindbergh, Vogue 1990



Linda Evangelista fotografata da Patrick Demarchelier per Harper's Bazaar, settembre 1992

Linda Evangelista fotografata da Patrick Demarchelier per Harper’s Bazaar, settembre 1992



Linda Evangelista in Yves Saint Laurent, Vogue UK, ottobre 1987, foto di Patrick Demarchelier

Linda Evangelista in Yves Saint Laurent, Vogue UK, ottobre 1987, foto di Patrick Demarchelier



Linda Evangelista in uno scatto di Herb Ritts, 1991

Linda Evangelista in uno scatto di Herb Ritts, 1991



Vogue settembre 1990, foto di Patrick Demarchelier

Vogue settembre 1990, foto di Patrick Demarchelier



Innumerevoli le campagne pubblicitarie, da Chanel a Calvin Klein, da Dolce & Gabbana a Versace, da Valentino a Yves Saint Laurent e Dior. Compare nel video Freedom, di George Micheal, che immortala la celebrità di Linda e delle colleghe top, Naomi Campbell, Cindy Crawford, Christy Turlington e Tatjana Patitz. Insieme a Naomi Campbell e Christy Turlington forma il trinity: sono loro le tre top model che dominano il fashion biz per tutto il corso degli anni Novanta. Nessuna ha incarnato meglio di lei quel decennio. Anni in cui la moda rappresentava ancora un sogno, un’utopica ribellione in nome della bellezza. E le supermodelle erano lì, perfette ambasciatrici del cambiamento, ammalianti valchirie che ancora oggi non trovano eredi.

Linda Evangelista conquista innumerevoli cover, da Vogue Paris a Vogue America, da Cosmopolitan ad Harper’s Bazaar. Nel 1984 diviene il volto di Nina Ricci e Guy Laroche. Nel 1987 sposa Gerald Marie, direttore dell’agenzia Elite: con lui si trasferisce a New York e poi a Parigi. Nel 1989 diviene il volto storico di Versace. Nello stesso anno viene inserita da People nella lista delle 50 donne più belle del mondo.


SFOGLIA LA GALLERY:




Linda Evangelista nel corso della sua sfavillante carriera ha cambiato tantissimi look: dal caschetto cortissimo, stile tomboy, la ritroviamo bionda, poi rossa, infine nuovamente castana. Tra i tanti brand che se la contendono, diventa testimonial di Donna Karan e Revlon, Jil Sander ed Estée Laurer. La sua vita privata domina sui tabloid: dopo il divorzio da Gerald Marie la top model si fidanza con l’attore Kyle MacLachlan, relazione che durerà per quattro anni. Intanto si aggiudica il Fashion Award. Alla fine degli anni Novanta Linda ha un nuovo amore, con il portiere della nazionale francese Fabien Barthez. La stampa impazzisce e specula anche sul dramma che colpisce la modella, che perde al sesto mese di gravidanza il bambino che aspettava dal compagno.

linda-evangelista-feet-5

La top model ha incarnato gli anni Novanta



Vogue Italia 1991, foto di Patrick Demarchelier

Vogue Italia 1991, foto di Patrick Demarchelier



linda-evangelista

Linda Evangelista è stata la top model più camaleontica, giocando molto sui cambiamenti di look



Linda-Evangelista-25

In Versace, foto di Francesco Scavullo, 1990



Linda Evangelista in una foto di Steven Meisel, Vogue Italia, febbraio 1989

Linda Evangelista in una foto di Steven Meisel, Vogue Italia, febbraio 1989



Musa di Steven Meisel, Linda Evagelista ha posato per i più grandi fotografi del mondo, da Irving Penn a Richard Avedon, da Patrick Demarchelier a Peter Lindbergh. Dopo una relazione con l’industriale Ugo Brachetti Peretti, si è aggiudicata il Grand Prix Marie Claire Fashion Award come modella dell’anno. Nel 2005 si è legata sentimentalmente a Paolo Barilla. Dopo aver posato per Vogue America alla veneranda età di 41 anni, ha ammesso di essere ricorsa al botox per mantenersi giovane. Nell’ottobre 2006 è nato a New York il suo primo figlio, Augustin James, avuto dall’imprenditore francese François-Henri Pinault. Nel 2007 è tornata sulle passerelle per Christian Dior ed è diventata testimonial L’Oréal.


Potrebbe interessarti anche:
Candice Bergen spegne 70 candeline

TODAY

12 Jun

Saturday

Le Rubriche

Photo Gallery