Cronache Vintage – Oh My Boyish!

CRONACHE VINTAGE – OH MY BOYISH!

Mi hanno invitato a un festa di compleanno. In costume. Dress code in stile anni ’20/’30. Donne ricoperte di lustrini e uomini in coppola. In tutta onestà, non ho alcuna voglia di indossare un abito da flapper girl, di cospargermi di perle e pailettes, né di mettermi in testa piume a corredo di cerchietti ricamati. E vogliamo parlare degli antipatici tacchi a rocchetto o dei collant velati (che al solo sguardo si sfilano e da donna in costume a donna del buon costume è un attimo!)? Dio ce ne scampi! No, no, e ancora no! Ho deciso, m’infilo i pantaloni!

D’altro canto, proprio in quegli anni nostra signora Coco metteva in atto una rivoluzione estetica dalle incredibili risonanze: la donna conquistava gradualmente il diritto di lavorare, di fare sport, di guidare e come avrebbe potuto con abiti che costringevano invece che assecondare i movimenti? Mademoiselle Chanel se ne infischiava delle tradizioni, lei voleva sentirsi LIBERA! E allora via ai pantaloni a vita alta con pinces, maglie basic girocollo, comodi mocassini. Toglieva, semplificava e “trafugava” l’armadio di lui. Ne venne fuori uno stile paradossale, risultato di una combinazione stravagante e avanguardistica di elementi femminili e maschili insieme (guardatela abbracciata a Lifar, abbigliata esattamente come lui, ma non dimentica di essere una donna da perle e turbante). In altre parole, nasceva il look à la garçonne.

 

Chanel and Serge Lifar at the Lido venise - 1937

Chanel and Serge Lifar at the Lido Venice – 1937



 

Quindi farò il mio ingresso alla festa in camicia da uomo in seta, tutta abbottonata, calzoni a vita altissima, stringate e bretelle. Eh sì, perché fino alla fine degli anni ’20 le brache venivano sostenute mica con la cintura. E non indosserò la cravatta, voglio essere una MASCHIA informale!

Ah, beh, poi c’è la storia del capospalla. Naturalmente non mi metterò addosso boa di struzzo e pellicce (eco). Ho già pronto il cappotto-vestaglia ereditato da mia nonna. Con quello sembro un po’ un gangster a dire il vero. Ma la contaminazione di epoche me la consento.

Marlene

Marlene



wk0q4i

Marlene



O farò come la Dietrich, mi vestirò da uomo, ma non rinuncerò ai 10 cm di altezza. Marlene fu l’antesignana di quel “lesbo chic style”, pantaloni e rossetto, cilindro e tacchi, cravatta, doppiopetto e smalto. Una ragazzaccia ambigua e altera. La onorerò! E poi non mi dimenticherò della lezione di Monsieur Yves Saint Laurent, che durante l’arco di tutta la sua lucente carriera amò così tanto le donne, la moda e la sperimentazione, da innovarne il guardaroba con pezzi maschili. L’androginia fu un suo pallino, e allora blazer, sahariane, smoking, trench, giubbotti in pelle e tailleur-pantaloni modernizzarono l’aspetto delle signorine del tempo, che si evolse per divenire mascolino ma conturbante. Dunque, sbottonerò la camicia e farò scorgere il body in pizzo, come una SEXY TOMBOY. Yves avrebbe gradito molto. E scommetto che anche i giovanotti invitati alla festa apprezzeranno! Oh my boyish!

Yves Saint Laurent, Vogue France by Helmut Newton, 1975, Paris

Yves Saint Laurent, Vogue France by Helmut Newton, 1975, Paris



 

 

TODAY

06 Jul

Monday

Le Rubriche

Photo Gallery