Dior, settant’anni di gloriosa storia

Settant’anni fa nasceva maison Dior.

Era l’8 ottobre del 1946, nelle mura di un appartamento collocato nell’8° arrondissement di Parigi. Qui inizia la storia di un’azienda unica, regale, che pone la donna al centro del suo universo.

Monsieur Christian Dior, dopo aver preso accordi con il magnate del tessile Marcel Boussac, costituisce giuridicamente l’omonima maison. L’apporto del ricco industriale francese era di tipo economico, Christian Dior aveva il completo comando della casa di moda.

 

L'iconica giacca Bar indossata da Marie - Thérèse (fonte immagine dior.com)

L’iconica giacca Bar indossata da Marie – Thérèse (fonte immagine dior.com)

 

 

Il couturier, affrontò la nuova sfida con destrezza, scontrandosi con le prime difficoltà da debuttante.

Raduna a sé 85 persone (sessanta erano le operarie) e inizia a lavorare sulla collezione primavera/estate che presenterà il 12 febbraio del 1947.

Delinea la silhouette dei capi; saranno due le linee che comporranno il défilé: En 8 e Corolle.

 

Il genio di YVes Saint Laurent

Il genio di YVes Saint Laurent

 

 

Nell’appartamento decorato in stile neo-Luigi XVI da Victor Grandpierre, nell’avenue Montaigne, presenta la primissima collezione dinanzi ad un pubblico ristretto. A sedere sulle poltrone c’è anche Carmel Snow, capo-redattrice di Harper’s Bazaar.

L’esclamazione pronunciata da Snow: “Mio caro Christian, i suoi abiti hanno un tale New Look“, ha decretato la nascita di un nuovo stile.

Icona del New Look è l’iconico tailleur Bar, ottenuta da monsieur Dior modellando la stoffa su un manichino che lui stesso aveva martellato per ottenere la linea desiderata. Il modello “numéro un, numbero one” indossato da Marie-Thérèse, annuncia l’inizio di un successo senza fine.

Alla sua morte, avvenuta a Montecatini Terme, il 24 ottobre 1957, fu Yves Saint Laurent, a soli 24 anni,  a prendere le redini della direzione creativa di Dior.

 

Marc Bohan (fonte immagine grsr.com)

Marc Bohan (fonte immagine grsr.com)

 

 

Debuttò con la primissima linea, chiamata Trapezio, nel 1958. Dopo solo due anni, chiamato al servizio militare, Yves cedette il suo incarico a Marc Bohan stilista per la maison per ben 26 anni.

Gli ultimi anni del suo comando sono imperversati da problemi economici. Occasione ghiotta per l’imprenditore francese Bernard Arnault che acquisisce il gruppo Boussac di cui fa parte. Al posto di Marc Bohan viene chiamato al comando Gianfranco Ferrè, il primo italiano alla direzione creativa di Dior. Restato in carica fino al 1997, riportò opulenza al marchio, andata perduta con Bohan.

 

Gianfranco Ferrè (fonte immagine fondazionegianfrancoferre.com)

Gianfranco Ferrè (fonte immagine fondazionegianfrancoferre.com)

 

 

A Ferrè fa seguito l’eclettico John Galliano.  Il “Pirata della moda” per quattro anni ha esaltato la fisionomia della maison con collezioni teatrali. La sua collaborazione in Dior viene bruscamente interrotta a causa del licenziamento del designer sopravvenuto come conseguenza di insulti antisemiti che lo stilista aveva mosso contro un gruppo di ebrei.

 

L'eclettico John Galliano (fonte immagine supertlab.com)

L’eclettico John Galliano (fonte immagine supertlab.com)

 

 

Dal 2012 al 2015, subentra Raf Simons: uno stilista garbato che ha riportato in auge le linee En 8 e Corolle  della maison, esaltando l’iconica Giacca Bar.

La sua creatività forse troppo controllata, non è stata apprezzata completamente dai vertici e dagli estimatori del marchio così nel 2015 viene allontanato da Dior.

 

Belgian fashion designer Raf Simons acknowledges applause after the presentation of Christian Dior's Spring-Summer 2016 ready-to-wear fashion collection, presented during the Paris Fashion Week, in Paris, Friday, Oct. 2, 2015. (AP Photo/Thibault Camus)

Raf Simons (fonte immagine ilpost)

 

 

Il 2016 segna un’importante novità in Dior. Per la prima volta, una donna prende le redini della maison. Lei è l’italiana Maria Grazia Chiuri che segna un nuovo ed importante passo nella storia dell’azienda.

 

Maria Grazia Chiuri, la prima donna designer di Dior (fonte immagine dior.com)

Maria Grazia Chiuri, la prima donna designer di Dior (fonte immagine dior.com)

 

 

La collezione primavera/estate 2017 appena presentata a Parigi (qui l’articolo) conferma la donna al centro dell’universo di Dior. E’ un ritorno alle origini in chiave moderna. Finalmente una donna veste le donne Dior.

 

 

Fonte cover bloor-yorkville.com

 

 

TODAY

18 Sep

Saturday

Le Rubriche

Photo Gallery