image

Il caftano: must have dell’estate

Suggestioni etniche e charme evergreen contraddistinguono un capo principe del guardaroba estivo (e non solo): il caftano.

Dietro a questa veste c’è una storia antichissima che ha origine nella Mesopotamia intorno al 600 a.C. Da qui il caftano si sarebbe poi diffuso in tutta la Persia.

Ampiamente utilizzato sotto l’Impero ottomano, divenne la veste classica dei sultani.

Presente in diverse culture e tramandato fino ai nostri giorni, il caftano è una lunga tunica, da indossare singolarmente o sopra ad altri capi. Di lunghezza variabile, la versione classica arriva fino ai piedi, ed è caratterizzata da una profonda scollatura e dalle maniche svasate che si aprono a pipistrello.

image

Vogue UK, dicembre 1966

image

Donna Mitchell in una foto di Helmut Newton

image

Il caftano nasce in Persia nel 600 a. C.

image

Caftano Valentino, foto di Henry Clark, Sicilia, 1967

image

Foto di Henry Clarke, 1966



Per tutto l’Ottocento venne considerato un abito di corte, considerata anche l’opulenza di certi modelli, impreziositi da ricami o gioielli, che lo rendono ancora oggi un capo sfarzoso. I colori predominanti con cui veniva confezionata questa veste così particolare erano il rosso, il bordeaux, l’ocra e il viola, colori caldi e dal gusto mediterraneo. Di superba raffinatezza sono le stampe che vengono solitamente utilizzate nella creazione del capo: si tratta di stampe paisley, chiaro retaggio anni Settanta, o stampe floreali o psichedeliche, omaggio dei Sixties.

Inoltre fin dagli albori grande è la varietà dei tessuti usati. Stoffe finemente lavorate, come tessuti damascati, broccato di seta arricchito di inserti preziosi o ancora chiffon di seta, per un effetto fluido e svolazzante. Ma non solo: non di rado oltre al semplice cotone si adoperano cachemire o lana. Un capo fresco e leggero che dona libertà unendo in modo magistrale comfort e stile.

image

Il caftano era usato fin dall’Ottocento

image

Marina Schiano in uno scatto di Gian Paolo Barbieri

image

Penelope Tree, foto di David Bailey, 1969

image

Suggestioni orientali per un capo must have del guardaroba femminile

image

Isa Stoppi per Henry Clarke, Vogue UK 1966

image

Veruschka in un caftano dalle stampe optical, foto di Henry Clarke

image

Caftani Valentino, foto di Barry Lategan, anni Settanta

image

Moyra Swan indossa un caftano Thea Porter, Turchia, Vogue UK 1971, foto di Barry Lategan

image

Talitha Getty, icona hippie chic, col marito Paul, Marrakech, 1969

image

Marisa Berenson fotografata da Henry Clarke, Vogue UK Novembre 1967

image

Jerry Hall, foto di Steve Horn, Vogue Patterns Maggio/Giugno 1975

image

Capo sdoganato da Diana Vreeland, il caftano dona un’allure particolare. Foto del 1969

image

Vogue Italia 1971

image

Vogue settembre 1973, foto di Barry Lategan



È solo a partire dagli anni Cinquanta che il caftano ha fatto la sua comparsa sulle riviste di moda e sulle passerelle. E fu ancora una volta Diana Vreeland, incontrastata regina della moda di quegli anni, la prima a intuirne la sofisticata eleganza. Dopo averlo notato durante un viaggio in Marocco, fu lei a sdoganarlo in Europa e in America, attraverso le pagine di Vogue.

Simbolo del mood boho-chic che ha caratterizzato la seconda metà degli anni Sessanta ed emblema del decennio successivo, questa mise, così antica e pregiata, conferisce un appeal particolare ad ogni donna che lo indossi. La cultura hippie ma anche l’intellighenzia dell’epoca, furono caratterizzate da una massiccia riscoperta dell’Oriente, e fu allora che l’uso di lunghe tuniche divenne un must have del guardaroba, maschile e femminile.

image

Caftano e turbante dorati, Agosto 1969

image

Doris Duke in un caftano damascato

image

Total white per un outfit che profuma d’Oriente

image

Barry Lategan, Vogue Italia ottobre 1973



Numerosissimi furono i designer che si cimentarono con la creazione di caftani, fin dalla metà degli anni Sessanta. Valentino Garavani fu uno dei primi a confezionare splendidi modelli dalle suggestioni optical, in perfetto stile Swinging Sixties; poi fu la volta di Emilio Pucci, che creò dei piccoli capolavori dalle stampe variopinte; e ancora Missoni, Yves Saint Laurent, Lanvin, Ossie Clark, Zandra Rhodes, Thea Porter, Biba e, nei primi anni Settanta, Halston. Oggi il caftano rappresenta un pezzo irrinunciabile delle collezioni di Roberto Cavalli, Issa London e di tanti altri nomi del panorama della moda internazionale.

Da usare per andare in spiaggia, con sandali rasoterra o allacciati alla schiava, o con tacchi o zeppe svettanti per la sera, vincente è l’uso di gioielli etnici, anche importanti. Fantastica è l’unione con il turbante, altro capo dalle seducenti atmosfere etniche, valida alternativa alle acconciature dal mood arabeggiante, con chignon e trecce.

image

Caftano con pantaloni, Biba

image

Lee Radziwill nel suo appartamento londinese, in stile ottomano

image

Fantasie paisley, floreali o optical per il caftano. Foto di Barry Lategan

image

Simone d’Aillencourt posa per Henry Clarke in Emilio Pucci, Udaipur, India, 1967



Tantissime le celebrities che hanno adorato il caftano: da Liz Taylor a Jackie Kennedy, da Joan Baez a Mia Farrow. Talitha Getty, icona hippie chic, ne fece l’emblema del suo stile: celebri sono le sue foto a Marrakech nel 1960, in compagnia del marito Paul, anch’egli in total look boho-chic. Altrettanto suggestive sono le foto che ritraggono la socialite Lee Radziwill nella sua casa londinese arredata in perfetto stile ottomano: nulla è lasciato al caso e il caftano che indossa riprende le suggestive decorazioni delle pareti. Tutto il jet set internazionale di quegli anni si convertì al caftano, dalla designer Diane von Furstenberg all’attrice Jaqueline Bisset, da Marella Agnelli e Donna Allegra Caracciolo di Castagneto: celebri le foto scattate a quest’ultima da Henry Clarke per Vogue del 1965. Bellissimi anche alcuni scatti di Barry Lategan per Valentino.

image

Liz Taylor amava indossare caftano coloratissimi. Qui in posa per Henry Clarke, 1967

Caftano da sera con inserti preziosi

Caftano da sera con inserti preziosi

image

Caftano Nat Kaplan, Vogue US Febbraio 1976

image

Jacqueline Bisset

image

Profumo d’Oriente

Donna Allegra Caracciolo di Castagneto fotografata da Henry Clarke per Vogue Novembre 1965

Donna Allegra Caracciolo di Castagneto fotografata da Henry Clarke per Vogue Novembre 1965

image

Gioielli etnici a completare il look



Oggi questo capo è tornato prepotentemente alla ribalta, grazie anche ad alcuni festival musicali di ispirazione bohémien, come il celebre Coachella Festival, dove si è riscontrato un boom di caftani e capi in stile etnico.

Inoltre il mercato del vintage regna incontrastato: su siti come Etsy, portale web dedicato alla compravendita di capi vintage autentici, si trovano pezzi di brand come Thea Porter, Ossie Clark, Zandra Rhodes e Biba che possono arrivare a costare fino a 5.000€. Ma in questo caso vengono in aiuto i brand low cost, come H&M, che ha proposto una collezione estiva con caftani variopinti, Topshop o ancora Asos, che propone capi ispirati ai Seventies o capi vintage, nella sezione Marketplace.

Il caftano è un evergreen irrinunciabile, anche in tempo di crisi.

image

Caftano corto Asos

Vestito caftano lungo stile anni Settanta, Asos

Vestito caftano lungo stile anni Settanta, Asos

image

Fantasia paisley per Asos

image

Doutzen Kroes indossa un bellissimo modello da spiaggia H&M

Decorazioni laminate da H&M

Decorazioni laminate da H&M

Suggestioni etno-chic da Topshop

Suggestioni etno-chic da Topshop

TODAY

21 Sep

Saturday

Le Rubriche

Photo Gallery