Starbucks porta le palme in piazza Duomo, Milano tra stupore e critiche

Starbucks ha (ri)portato le palme in piazza Duomo a Milano. Stamattina il capoluogo lombardo si è svegliato in un panorama del tutto nuovo: davanti alle familiari guglie e alla Madonnina d’oro, filari di palme e a breve anche di banani. Lo ha voluto il colosso americano, che nel 2018 arriverà in Italia proprio partendo da un primo punto vendita a Milano. Starbucks ha vinto il bando lanciato da Palazzo Marino per il rinnovo delle aree verdi della piazza meneghina più famosa, e ha scelto di decorarla piantando alberi esotici e arbusti dai fiori rosa. Oggi le palme, domani filari di banani e piante che si alterneranno nella fioritura durante l’anno: ortensie in estate, bergenia in primavera e canne giganti cinesi in autunno per una piazza Duomo perennemente ricoperta di petali rosa. Per quanto romantica, però, la prospettiva ha indispettito qualcuno. Non tutti i milanesi, stamattina al risveglio, hanno ammirato con stupore le novità nelle aiuole del Duomo.


Il primo a commentare, seppur sospendendo il giudizio, è stato il sindaco di Milano Giuseppe Sala che ha pubblicato su instagram uno scatto del nuovo volto della piazza, scrivendo «Milano si risveglia con palme e banani in piazza Duomo. Come nella tradizione ottocentesca. Buona o cattiva idea? Certo che Milano osa eh…». A quanto pare, infatti, già nel XIX secolo la piazza del Duomo di Milano era ricoperta di piante esotiche. Ma se a qualcuno questo sembra un piacevole ritorno alla storia, per altri si tratta di uno scempio. «La giunta chieda scusa per un obbrobrio che snatura la piazza» ha chiesto Alessandro Morelli, rappresentante della Lega a Palazzo Marino. Il Consiglio Comunale di stamattina è stato vivacemente animato anche dai consiglieri di Forza Italia, entrati in aula armati di banane gonfiabili. Anche gli esperti si dividono in merito alle palme in piazza Duomo: l’architetto Marco Bay, che ha firmato il progetto, difende l’idea «che dialoga perfettamente con il Duomo, valorizza lo spazio». L’architetto paesaggista Paolo Pejrone invece, la liquida così: «Piantare queste specie in piazza del Duomo a Milano mi sembra una follia neogotica. I banani sono una scelta coraggiosa, certo, al limite del kitsch». Alla fin fine, continua Bay, quando si tratta di alberi si litiga sempre: sia quando vengono tagliati, sia quando vengono piantati.

TODAY

22 Jun

Tuesday

Le Rubriche

Photo Gallery